Sika AG si compra MBCC Group, l'ex divisione Construction Chemicals di BASF

11/11/2021 5244

Sika AG ha accettato di acquistare il rivale tedesco MBCC Group per 5,5 miliardi di franchi (6 miliardi di dollari) dal "Lone Star Funds" del miliardario John Grayken, consentendo all'azienda svizzera di materiali da costruzione di ampliare la propria gamma di prodotti.

Sika - MBCC Group: un accordo da $ 6 miliardi per Rival MBCC

Sika, che produce sigillanti, malte e altri adesivi per l'edilizia, ha affermato che il prezzo è 11,5 volte gli utili previsti per il 2022 prima di interessi, tasse, deprezzamento e ammortamento. Grazie a sinergie annue da 160 a 180 milioni di franchi mirate, questo dovrebbe però ridursi a 8,5 volte. 

Lone Star Funds aveva acquistato MBCC dal colosso chimico BASF SE per 3,17 miliardi di euro (3,6 miliardi di dollari) nel 2019.

Sika prevede di completare l'acquisto, finanziato tramite prestito ponte, nella seconda metà del prossimo anno.


L'acquisizione è soggetta ad approvazione normativa. Sika confida che otterrà tutte le autorizzazioni e si impegnerà attivamente con le autorità. Il perfezionamento dell'acquisizione è previsto per la seconda metà del 2022.


"Sulla base della solida esperienza di Sika per quanto riguarda l'integrazione delle attività acquisite, riteniamo che anche questo accordo creerà un sostanziale valore per gli azionisti", ha affermato Vontobel in una nota ai clienti.

Jochen Fabritius, CEO di MBCC Group ha dichiarato: “Abbiamo trovato un partner perfetto che condivide le nostre convinzioni fondamentali. Sika è nota per il suo spirito imprenditoriale e la strategia di crescita redditizia, incluso un forte record di acquisizioni. I nostri prodotti e le nostre competenze saranno ancora una volta al centro dell'attività. Insieme a Sika, non vediamo l'ora di esplorare nuove ed entusiasmanti opportunità di business. Vorrei ringraziare Lone Star per l'enorme supporto negli ultimi anni e per averci aiutato a prepararci per questo prossimo capitolo".


Swiss chemical company Sika jumped 10.8% after agreeing to buy construction chemicals maker MBCC in a $6 billion deal.

kelo.com


La società con sede a Baar (ZG) attiva nelle specialità chimiche intende così portare dal 2023 il suo fatturato a 13 miliardi.

Basata a Mannheim, l'ex filiale del gigante chimico tedesco BASF si occupa di prodotti per l'edilizia. Impiega circa 7.500 dipendenti e per quest'anno punta a un volume d'affari di 2,7 miliardi di euro, scrive Sika in una nota odierna.

Il gruppo svizzero ha firmato un accordo vincolante con l'attuale proprietario, una filiale della società di investimenti Lone Star Fund. La finalizzazione della transazione, per la quale Sika si dice sicura di ottenere l'okay dalle autorità competenti, è attesa nella seconda metà del 2022.

 

sika.jpgmbcc-group-logo.jpg

 

MBCC è attiva nella decarbonizzazione.

"In caso di successo, la quota di mercato globale di Sika salirà al 20% con leva operativa ed effetti di margine molto positivi", ha affermato l'analista di Baader Helvea Markus Mayer.

L'acquisizione completerà ed amplierà infatti l'offerta di prodotti e soluzioni Sika in quattro delle prime cinque tecnologie Sika e sette degli otto mercati target di Sika e rafforzerà ulteriormente la sua presenza geografica.

L'attività combinata sarà un acceleratore chiave per consentire ai clienti Sika e MBCC Group e al settore delle costruzioni di guidare la trasformazione sostenibile sempre più velocemente.

L'acquisizione, in quanto tale, unisce due team globali altamente motivati ​​ed estremamente capaci che supporteranno una forte impronta di sostenibilità per il futuro.

Oggi, il 70% delle vendite di Sika è generato da prodotti che hanno un effetto positivo sulla sostenibilità, mentre oltre il 35% dei prodotti del Gruppo MBCC è avanzato in modo sostenibile. Attraverso la combinazione, Sika si impegna a generare l'80% delle sue vendite da prodotti che hanno un impatto positivo sulla sostenibilità.