Balcone, terrazzo, marciapiede o cosa? 4 tipologie edili da conoscere per progettare gli spazi in esterno

Uno spazio calpestabile all’esterno rende una abitazione più versatile e più piacevole e ci regala una stanza in più da primavera fino all’autunno.

Ma gli spazi in esterno, se mal concepiti o mal eseguiti, sono anche spesso fonte di guai ed è quindi già in fase progettuale importante distinguere tra le diverse tipologie costruttive che ci possono essere.



La corretta progettazione per le diverse tipologie

Ogni  tipologia costruttiva ha le sue criticità e richiede perciò un specifico approccio nella sua realizzazione.

Vediamo quali sono le situazioni edili in ordine crescente di complessità.

Marciapiede

Il marciapiede è sicuramente la forma più comune di uno spazio calpestabile in esterno. Viene definito come spazio adiacente ad un edificio ed a contatto diretto con la terra.

Vanno garantiti principalmente un corretto drenaggio delle acque piovane ed un impermeabilizzazione, su tutta la superficie oppure anche solo della zona verso l’edificio e del perimetro esterno del lastrico (a contatto con il terreno).

Se il supporto viene completamente impermeabilizzato, si deve inoltre garantire in drenaggio di eventuali infiltrazioni sotto il rivestimento finale.

Si deve sempre garantire la durabilità del rivestimento posato e la sicurezza per l’utilizzatore finale.

 

Impermeabilizzazione del marciapiede con il Sistema Schlüter-DITRA-DRAIN

Sistema Schlüter-DITRA-DRAIN con le funzioni di desolidarizzazione, protezione idraulica, drenaggio capillare passivo, sfogo pressioni vapore, distribuzione del carico.

 

Balcone

Il balcone viene definito come una struttura aggettante dell’edificio senza vano sottostante.

Per questa tipologia edile si deve garantire principalmente l’impermeabilizzazione per evitare infiltrazioni nel supporto della piastrella e quindi anche nella struttura del balcone.

Anche nel balcone si deve garantire la durabilità del rivestimento posato e la sicurezza per l’utilizzatore finale (esempio distacco piastrelle, fessurazioni , macchiatura fughe, …).

 

Impermeabilizzazione balcone il Sistema Schlüter-DITRA 25

Sistema Schlüter-DITRA 25 con le funzioni di desolidarizzazione, impermeabilizzazione, sfogo pressioni vapore, distribuzione del carico.

Terrazzo

E arriviamo al manufatto edile più complesso da progettare.

Con “Terrazzo” si intende una copertura piana calpestabile con sottostante un vano abitato o non.

La progettazione di questo elemento costruttivo deve essere accurata perché oltre a garantire l’impermeabilizzazione, in fase di progettazione si deve tenere conto anche delle differenze di temperatura e delle diverse umidità relative tra “il sopra” ed “il sotto”.

Nel caso di una copertura piana con un rivestimento finale (ceramica, pietra naturale, ..) si deve garantire la durabilità del rivestimento posato e la sicurezza per l’utilizzatore finale (esempio distacco piastrelle, fessurazioni , macchiatura fughe, …).

 

Corretta stratigrafia del terrazzo

Stratigrafia “tetto a caldo” secondo norme UNI8627 e UNI8178.

 

 

Le forme ibride

Nella realtà di un edificio sono tante le situazioni che abbracciano più di una di queste tre tipologie da manuale.

Basti pensare ad un terrazzo  sopra vano abitato che finisce a sbalzo libero o ad un garage in parte aperto e ventilato ed in parte con dei box chiusi.

La regola di base per queste forme ibride è quella di applicare sempre i principi costruttivi della tipologia più complessa. Quindi un terrazzo che nella parte finale diventa un balcone va considerato per l’intera superficie come una copertura piana ed il garage del nostro esempio richiede per tutta la sua estensione la stratigrafia da terrazzo.

Gli spazi calpestabili in esterno figurano tra le prime cause di contenziosi nel mondo edile.

Una corretta definizione della loro tipologie è importante per evitare le criticità sin dal momento della loro progettazione.

 


Un ottimo prodotto usato male, diventa una cattiva soluzione

"Questa famosa affermazione del nostro Fondatore Werner Schlüter è un po’ il Leitmotiv che guida da sempre le attività del nostro Gruppo. - dichiara Gian Luca Gianaroli, Responsabile Commerciale di Schlüter®-Systems Italia - "La partecipazione alla definizione degli standard di una corretta posa della ceramica e la formazione di chi sceglie i nostri sistemi, sono un impegno costante anche della nostra sede in Italia. Siamo attivi in gruppi UNI per la redazione delle norme Italiane ed offriamo corsi di formazione a tutta la filiera. In particolare, Schlüter-Systems Italia è Ente Terzo Accreditato per il rilascio di Crediti Formativi Professionali (CFP) presso il Consiglio Nazionale degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori di Roma (CNAPPC)."


 

Schlüter-Systems offre sistemi specifici per ogni tipologia edile

Sono disponibili manuali che approfondiscono per ogni situazione edile tra marciapiede, balcone e terrazzo le corrette stratigrafie, seguendo le indicazioni normative vigenti.

 


Cerchi un aiuto per il progetto di una copertura piana, di un balcone o di un marciapiede?

Chiedi consiglio all’Ufficio Tecnico Schlüter®-Systems

Scrivi a: ufficiotecnico@schlueter.it


Visita il sito di Schlüter®-Systems

Chi è Schlüter®-Systems

Schlüter®-Systems è l’azienda leader dei sistemi per la posa delle piastrelle ed una realtà multinazionale.

Offriamo soluzioni innovativi per una posa della ceramica a “regola d’arte” di qualsiasi tipologia e formato.

L’azienda offre una vasta gamma di sistemi di impermeabilizzazione per interno ed esterno, guaine di desolidarizzazione , giunti di deformazione, profili, sistemi per docce a filo pavimento, adesivi, pannelli autoportanti e sistemi di riscaldamento a pavimento di ultima generazione.

Nella sede di Fiorano Modenese disponiamo inoltre di un importante “Centro Nazionale  di Formazione Professionale” dove vengono svolti regolarmente diverse tipologie di corsi rivolti a progettisti, rivenditori ed installatori.