Come cambia la qualità dell’abitare: città, quartieri e case nel 2030

25/09/2021 3102

Casa NZEB, casa efficiente, casa intelligente, casa solare, casa bioclimatica, casa ecologica, casa post covid con giardino, casa modulabile, casa domotica, casa antisismica … sono tanti modi con cui negli ultimi anni abbiamo cercato di raccontare quale possa essere la casa del futuro. E partendo da queste definizioni ci siamo allargati a parlare di quartieri o città sostenibili, efficienti, inclusive, sicure, resilienti … con l’obiettivo di poter comprendere quale fosse il modello di riferimento per l’abitare in un mondo che è sempre più 4.0, sempre più aperto alla biodiversità, sempre più consapevole dell’emergenza clima, peraltro frastornato e cambiato dalla pandemia.

Federcostruzioni ha cercato di comprendere negli ultimi anni queste tematiche, occupandosi di housing sociale, di mercato immobiliare, di evoluzione delle tecniche costruttive ed evoluzione digitale. Nel 2020 ha intervistato 24 importanti figure del settore, architetti, ingegneri, professori e investitori, raccogliendo queste testimonianze all’interno di un book digitale.

Oggi, in un contesto che la pandemia e gli investimenti del PNRR hanno profondamente cambiato, in cui la Commissione Europea ha lanciato il progetto New European Bauhaus, vuole proseguire in questa sua indagine.

E il punto di partenza sarà l’evento organizzato durante l’edizione 2021 del SAIE di Bari, in cui si terrà l’evento "Come cambia la qualità dell’abitare: città, quartieri e case nel 2030».

paola-marone_quadrato_300.jpg

«Gli scenari di evoluzione dell’abitare che ognuno di noi riteneva certi prima del 2020, oggi sono cambiati. Con la pandemia ci siamo accorti che il modello di città a cui puntavamo, con alloggi sempre più piccoli, centri direzionali sempre più grandi e concentrati, quartieri ad alto tasso di design ma anche con costi elevati, non era più l’obiettivo a cui si poteva puntare. E in un mondo in cui parole come sostenibilità e resilienza sono sempre più fondamentali, direi ineludibili, era necessario comprendere, cercare di individuare i nuovi scenari.» evidenzia l'ing. Paola Marone, presidente di Federcostruzioni, «e per questo abbiamo voluto organizzare con la collaborazione di SAIE questo evento, scegliendo Bari perchè è una grande città, di confine essendo sul mare, in una regione molto attiva dal punto di vista industriale, agricolo, turistico, del nostro meridione e quindi più sensibile alle necessità di investimenti, e che ha avuto negli ultimi anni un processo di importante riqualificazione del proprio centro storico. Da Bari vogliamo lanciare un programma che mira a comprendere quindi come cambia la qualità dell’abitare».

Durante l’evento ci sarà la relazione del Prof. Saverio Mecca, dell’Università di Firenze, per comprendere cosa sia il progetto comunitario "New European Bauhaus» e dell’arch. Beppe Fragasso, Presidente di ANCE Bari, che evidenzierà l’importanza della qualifica delle imprese e del sistema ai fini di un corretto uso del PNRR.

«Presenteremo interessanti dati sulle costruzioni e sul mercato immobiliare, in modo che sia possibile per chi interverrà nella tavola rotonda, ma anche per chi parteciperà come spettatore, di avere le informazioni necessarie per poter capire da dove partiamo e quali sono le dinamiche con cui potremo muoverci» dice Luigi Perissich, Segretario Generale di Federcostruzioni, «daremo quindi i numeri del rapporto di Federcostruzioni, che riguarda l’intero sistema con tutte le filiere, grazie al Centro Studi Ance avremo un quadro dell’edilizia in Puglia e, infine, Nomisma entrerà nel merito del mercato immobiliare e di un nuovo studio che sta realizzando mirato a comprendere le dinamiche con cui il mercato si muoverà nei prossimi anni».

La tavola rotonda coinvolge tra gli altri l’ing. Pietro Baratono, presidente della Alta Commissione per la Qualità dell’Abitare del MIMS, voluta dal Ministro Giovannini, composta da professionisti ed esperti che ha anche il compito di esaminare e finanziare progetti per la riqualificazione delle aree urbane disagiate dal punto di vista abitativo e socioeconomico e imprenditori in rappresentanza di importanti associazioni della filiera che condivideranno la loro visione.

«Oggi abbiamo una grande opportunità, ovvero aiutare le imprese del settore a comprendere e sfruttare le opportunità che arrivano dall’innovazione tecnologica –ha dichiarato Ivo Nardella, Presidente Gruppo Tecniche Nuove e Senaf – La base per ripartire e crescere nel modo corretto e sostenibile è la “conoscenza” e SAIE rappresenta il luogo ideale per mostrare le tecnologie e le soluzioni che caratterizzeranno il futuro dell’edilizia e dell’impiantistica. Un settore, quello delle costruzioni, che si sta evolvendo e che potrà contare su investimenti importanti come quelli previsti dal PNRR o dal Superbonus. Grazie anche al supporto di Federcostruzioni, delle principali associazioni di categoria, di professionisti esperti e di circa 250 aziende che hanno aderito con entusiasmo al progetto, SAIE sarà un momento di confronto per affrontare tematiche importanti come la qualità dell’abitare e la sostenibilità e offrire nuove occasioni di sviluppo per il territorio.»


Come cambia la qualità dell’abitare: città, quartieri e case nel 2030

Confortevoli, Sostenibili, Resilienti e ... a misura del reddito dei cittadini

Organizzato da Federcostruzioni

Bari, 8 ottobre 2021, Ore 10.30

 

Programma

Ore 10.30 

Che futuro per l’abitare

Paola Marone, Presidente Federcostruzioni

 

La qualità dell’abitare e il New European Bauhaus

Saverio Mecca, Presidente ISTeA (Italian Society of Science, Technology and Engineering of Architecture)

 

PNRR e Qualificazione delle Imprese

Beppe Fragasso, Presidente ANCE Bari

 

I Dati del settore

Il rapporto Federcostruzioni

Luigi Perissich, Segretario Generale Federcostruzioni

 

I dati sulle costruzioni in Puglia

Flavio Monosilio, Direttore Affari Economici e Centro Studi ANCE

 

Scenari di mercato ed evoluzione della domanda di abitare

Marco Marcatili, Nomisma

 

Ore 12.00 

Tavola rotonda

  • Pietro Baratono, Presidente Alta Commissione per la Qualità dell’Abitare del MIMS
  • Paola Marone, Presidente Federcostruzioni
  • Rudy Girardi, vice Presidente ANCE
  • Gabriele Scicolone, Presidente OICE
  • Franco Villani,  vice Presidente ANIE
  • Mario Cunial, Consigliere Confindustria Ceramica
  • Armando Zambrano, Presidente CNI

Modera

 

  • Luigi Perissich, Direttore Generale Federcostruzioni