Massetti riscaldati: lo Shock Termico, è davvero necessario?

Lo shock termico, normativamente chiamato “Avviamento iniziale del riscaldamento”, è una procedura prevista dalla Norma UNI EN 1264, da effettuare obbligatoriamente su un massetto riscaldato tradizionale prima della posa della pavimentazione finale in ceramica, pietra, legno o altri materiali. Una procedura che però richiede lunghi tempi di attesa in cantiere.

Esiste una soluzione alternativa collaudata che permette di evitare i lunghi tempi di attesa in cantiere dovute alle procedure di shock termico?

schlueter-bekotec-therm-basso-spessore-e-bassa-inerzia-termica.jpg


Sistemi di riscaldamento radiante a pavimento: lo shock termico secondo la UNI EN 1264

L’iter prescritto consiste in una graduale e programmata messa a temperatura del sistema, portata in rapida sequenza a temperature estreme, oltre il limite di quelle da attendersi in un normale regime dell’abitazione.

In questo modo si cerca di prevenire possibili danni causati dalla mancata maturazione del massetto.

Ma la procedura dello Shock Termico richiede lunghi tempi di attesa in cantiere:

  • indicativamente, l’attesa per la corretta stagionatura ed asciugatura del massetto, è di 3 settimane;
  • inoltre, sono necessari ulteriori 7 giorni per realizzare il ciclo previsto per lo shock termico.

Bisogna poi considerare anche la presenza di un generatore di calore, che se già installato e funzionante facilita l’operazione, mentre in caso contrario, richiederebbe ulteriore tempo per la ricerca di uno scaldamessetto per il cantiere, con relativa aggiunta di costi che questo comporterebbe.

 

É opinione comune che in cantiere il tempo è denaro…

Insomma, indicativamente, oltre alla perdita di tempo, lo shock termico può incidere con una extra-costo anche di 10/15 Euro/mq.

Ma non si può farne a meno?

C’è chi si prende il rischio di “saltare” il passaggio dello shock termico, ignorando le prescrizione della Norma e sperando nella buona sorte. Ma se poi il pavimento fessura o si distacca dal massetto la responsabilità ricade su chi osa tanto.

schlueter-systems_rottura-piastrella-ceramica.JPG
Senza effetuare uno shock termico ad un massetto tradizionale prima della posa del rivestimento si rischia poi  la trasmissione di fessure in superficie.

Esiste invece una collaudata alternativa, contemplata anche dai Codici di Buona Pratica e garantita dallo stesso Produttore, che non solo permette di evitare lo shock termico, ma addirittura vi permette di non attendere la maturazione del massetto prima di posare un manto ceramico o un pavimento in Pietra Naturale.

Si chiama Schlüter®-BEKOTEC-THERM, della multinazionale Schlüter-Systems.

 

Il sistema Schlüter®-BEKOTEC-THERM per massetti riscaldati a prova di shock

Il sistema BEKOTEC-THERM prevede l’applicazione di un normale massetto sabbia e cemento di classe C25-F4 (max. F5) sopra un pannello con una particolare struttura brevettata che induce il massetto proprio alla microfessurazione controllata.

In questo modo, il massetto scarica le sue tensioni in modo controllato e modulare in tutta la superficie, non subisce deformazioni e quindi non trasmette alcuna tensione alla superficie piastrellata.

schuter-systems-bekotec-therm-03.jpg
Il massetto posato sopra il sistema BEKOTEC-THERM è privo dei giunti di frazionamento e di fessurazioni sulla superficie.

Con Schlüter®-BEKOTEC-THERM vengono così eliminate le tensioni, le deformazioni (il cosiddetto “effetto curling”) e la necessità di giunti nel massetto.

Il tutto con una  apprezzabile riduzione di peso sulle strutture (circa 70 kg/m²) e con un ingombro ridotto (da soli 20 mm senza coibentazione a 57 mm con coibentazione integrata).

L’altezza ridotta del sistema riduce notevolmente la massa del volano termico da scaldare e crea quindi un sistema a bassa inerzia termica.

schuter-systems-bekotec-therm-01.jpg
Si nota la particolare conformazione dei rilievi del pannello e lo spessore ridotto del massetto.

Le particolari caratteristiche edili del sistema Schlüter®-BEKOTEC-THERM permettono di saltare la procedura dello shock termico e di posare il rivestimento finale già dopo pochi giorni dalla stesura del massetto, non appena esso risulta calpestabile.

Quindi è possibile risparmiare almeno 3 settimane in cantiere.

schuter-systems-bekotec-therm-02.jpgIl sistema BEKOTEC-THERM completo della finitura scelta.


Massetti riscaldati: una soluzione che consente di evitare la procedura dello Shock Termico, risparmiando tempo e denaro in tutta sicurezza!

Una vera rivoluzione sotto i vostri piedi con il sistema Schlüter®-BEKOTEC-THERM

Contatta l'ufficio tecnico di Schlüter Systems per avere maggiori informazioni (ufficiotecnico@schlueter.it)