Alla scoperta del Linoleum, un pavimento ispirato dalla natura e dalle proprietà antibatteriche

Quando nel 1864 Frederick Walton inventò il Linoleum, non poteva certo immaginare di aver creato il primo polimero naturale, o meglio biopolimero. Il linoleum rimane l’unico pavimento resiliente naturale nonostante siano trascorsi 156 anni, natura che continua a portare in sé, grazie ai componenti Farina di Legno, Farina di Sughero, Colofonia, olio di lino, juta naturale ed è proprio dalla natura che trae una delle sue principali caratteristiche: l’essere antibatterico.

linoleum_pavimentazioni-700.jpg
Termosigillatura dei giunti in un pavimento di Linoleum

Linoleum, il pavimento resiliente antibatterico per natura

Il linoleum è un pavimento resiliente la cui proprietà antibatterica venne dettagliatamente illustrata dall’ing. Felix Fritz nel 1914 in un documento pubblicato sulla rivista Kunststoffe e denominato “Il potere battericida del Linoleum”. Un documento che definisce inestinguibile potenza battericida del linoleum.

Fu Ludwic Bitter dell’Istituto d’Igiene di Kiel, a testare per primo il comportamento dei microbi a contatto con il Linoleum concludendo le sue precise contestazioni scientifiche con: “Il Linoleum è adunque un pavimento che evidentemente in modo duraturo è capace di distruggere il gran numero di micro-organismi che gli vengano depositati sopra principalmente con il passaggio”.
Anche il bacillo del tifo (Bacterium typhi), continua Bitter, non fu mai capace di sopravvivere sul Linoleum.

L’antibatterico naturale si chiama Cemento di Linoleum che grazie all’olio di lino ed alla colofonia riesce a creare un’azione antibatterica permanente, come anche comprovato dal Laboratoire de Cryptogamie del Museum National d’Histoire Naturelle di Parigi che ha testato il Linoleum prodotto dallo Stabilimento di Narni, riscontrando che dopo 6 ore l’attività dei batteri si è ridotta del 98%.

Linoleum, dove e come si produce?

L’Italia è uno dei pochissimi Paesi ad avere ancora uno Stabilimento di Linoleum, oggi ne esistono soltanto 4 in tutto il Mondo e questo stabilimento è stato creato da un imprenditore Italiano: Giovan Battista Pirelli nel 1898 a Narni Scalo in Umbria.

Molte cose sono cambiate in 121 anni, ma non la naturalità dei componenti che continuano a rendere unica questa durevole pavimentazione, che in alcune applicazioni è ancora installata nonostante siano trascorsi oltre 70 anni.

Il Linoleum continua ad essere prodotto per calandratura in rotoli da 200 cm di altezza, in fase di installazione i giunti possono essere termosigillati rendendo la pavimentazione monolitica e facilmente igienizzabile.

Tutte le Pavimentazioni Resilienti, Linoleum compreso, devono essere installate e mantenute in linea con quanto previsto dalla Norma UNI 11515-1.

Se vi capita di percorrere il tratto della Superstrada E45 Orte Terni (Direzione Terni), dal viadotto Facchignano volgendo lo sguardo a destra vedrete la vallata e lo stabilimento del Linoleum oggi del Gruppo Tarkett. Se è vero il detto “la Natura fa solo cose buone”, il Linoleum è una di queste, ma non avrebbe mai preso vita senza la Passione delle Persone che continuano a produrlo con immutato amore da 156 anni.

Ma il Linoleum è anche poesia e forse solo una filastrocca può presentarlo, in tutta la sua Armonia...

Filastrocca sul Linoleum

Caro vecchio pavimento
la tua storia è un portento.
Molto spesso nominato
da chi non ti ha mai calpestato
ne per gioco ne per dovere, 
ma su di te sfoggia un gran sapere.

Son passati oltre cent'anni
senza amianto ne inganni
ma qualcuno poco attento
vede in te un copripavimento.

Se potessi raccontare
tutto viò che porti dentro
renderesti assai contento tutto lo stabilimento
che lavora con amore la tua pasta colorata
senza mai dimenticare quanto sia delicata.

La calandra ti accarezza
ed accentua la tua bellezza
di un decoro naturale
che nessuno può imitare.

Dai Linoleum non mollare
trai forza e giovamento
dal tuo vecchio stabilimento
pieno di tante persone
che per te non son mai dome.