Sistema Spider: Meno ingombro, più versatilità negli impianti a pavimento

GIACOMINI 05/12/2018 1860

Sistema Spider cambia il modo di concepire l'efficientamento energetico

Meno ingombro, più versatilità. Il sistema Spider, la griglia a basso spessore per impianti a pavimento progettata da Giacomini, cambia il modo di concepire l'efficientamento energetico.

Grazie al limitato ingombro in altezza (da 22 mm) e alla conformazione dei pannelli (che alloggiano tubazioni di 16 o 17 mm di diametro esterno e permettono un passo di posa multiplo di 50 mm), questo prodotto risulta, infatti, ideale negli interventi di ristrutturazione e riqualificazione energetica degli edifici, oltre che nelle nuove costruzioni.

La geometria brevettata della griglia – una rete tridimensionale stampata in materiale plastico, polipropilene ad alta resistenzaconsente di alloggiare saldamente il tubo durante la posa e di annegarlo completamente nel massetto, garantendo così un’ottimale ed uniforme distribuzione del calore ed una limitata inerzia termica. L’innovativa bugna forata, invece, permette di abbinare il pannello sia ai massetti autolivellanti che a quelli in sabbia e cemento, rendendo il sistema oltremodo economico e versatile. Seppur molto leggero, il pannello ha un’elevata resistenza al calpestio, pertanto l’installatore può eseguire la posa del tubo senza il timore di danneggiarlo per schiacciamento. Ogni bugna, inoltre, ha elementi di bloccaggio del tubo che agevolano la posa dello stesso senza l’impiego di clips nei cambi di direzione, mentre gli incastri laterali garantiscono un ancoraggio rigido tra pannello e pannello, facendo diventare la superficie solida e uniforme.

Il pannello Spider di Giacomini è disponibile in tre versioni:

  1. la prima presenta una base adesivizzata per l’incollaggio ad una pavimentazione esistente o ad un sottofondo;
  2. la seconda vengono forniti dei piolini di fissaggio per l'applicazione su uno strato di isolante pre-esistente;
  3. la terza è abbinata ad uno strato di isolante ad alta densità di 6 millimetri di spessore.

Con questo prodotto si possono utilizzare massetti autolivellanti (solo con pannelli con base adesivizzata e con l’isolante da 6 mm, minimo circa 10 mm sopra alla generatrice superiore del tubo, spessore complessivo rispettivamente di 29 mm e 35 mm), anidritici (per tutte e tre le versioni, spessore minimo 13 mm sopra bugna e 35 mm complessivo), sabbia-cemento classici (per tutte e tre le versioni, spessore minimo 20 mm sopra alla generatrice superiore del tubo, 40 mm complessivo).

Rispetto alle procedure tradizionali previste dalla normativa UNI EN 1264-4, per il pannello a basso spessore ci sono operazioni di posa differenziate in base al modello utilizzato. Le prime installazioni di Giacomini Spider sono state monitorate sia in laboratorio che in applicazioni reali. In particolare, sono state eseguite delle misure di temperatura e di energia assorbita dall’impianto allo scopo di ottenere i tempi di messa a regime. È stato rilevato come l'impianto raggiunga la costanza del flusso termico dopo circa 30 minuti dall'accensione, mentre la temperatura media, pesata tra tutte le letture delle misure termografiche, si assesta dopo circa un'ora e mezza: dunque, il massetto raggiunge un equilibrio termico costante in breve tempo. L'insieme di questi risultati indica che il sistema Spider può trovare applicazione sia nelle ristrutturazioni, grazie all'ingombro ridotto, sia in tutte quelle applicazioni in cui è necessario un impianto radiante che raggiunga rapidamente il funzionamento a regime o si abbia la necessità di un funzionamento intermittente.

>>> per maggiori informazioni www.giacomini.com

giacomini_spiderslim