Italcementi premia l'intonaco che si ispira alla natura e che assorbe le polveri sottili

Redazione inCONCRETO 25/11/2018 920

E’ giunto a conclusione il Premio Marzotto 2018, la principale startup competition in Italia che sostiene le nuove idee, attiva l’impresa italiana e porta la sua innovazione nel mondo. La finale si è svolta al MAXXI di Roma e ha visto la premiazione di 48 start up fra le 600 concorrenti.

Fra i partner del Premio c’è anche Italcementi, che ha riconosciuto al progetto Particulate Matter il Premio Speciale Italcementi - HeidelbergCement Group, per l'ideazione di un materiale innovativo capace di intrappolare il particolato atmosferico.

 enrico-borgarello-italcementi«Il progetto – ha spiegato Enrico Borgarello, Direttore Innovazione Italcementi – ha una forte valenza di sostenibilità, in quanto migliora la qualità dell’aria e rappresenta una possibile concreta attuazione dei principi d’economia circolare, valorizzando materiali di riciclo e sottoprodotti di processi produttivi»

Il progetto Particulate Matter

Nato dalla collaborazione tra l’Università degli Studi di Brescia (Laboratorio di Chimica per le Tecnologie), INSTM (Consorzio Interuniversitario Nazionale per la Scienza e Tecnologia dei Materiali), Regione Lombardia, e Smart Solutions (Startup innovativa dell’ Università degli Studi di Brescia), il progetto Particulate Matter risponde a una precisa richiesta della Commissione Europea: sviluppare materiali innovativi e a basso costo per la riduzione del particolato a livello europeo.

In ambito urbano è la vegetazione il mezzo principale per rimuovere il particolato atmosferico: sono le foglie, grazie alla loro morfologia superficiale rugosa, a svolgere questa importante funzione.

Il team di ricerca guidato dalla professoressa Elza Bontempi si è quindi ispirato alla natura per mettere a punto un materiale sostenibile, basato sull’utilizzo di sottoprodotti industriali e di derivati dalle alghe, in grado di assorbire le polveri sottili e autorigenerarsi, proprio come avviene per le foglie, grazie alla pioggia.

Il risultato è sorprendente: il nuovo materiale ha una capacità di rimozione superiore di almeno 100 volte rispetto a quella della vegetazione. Un risultato riconosciuto a pieno titolo da Italcementi che, spiegato Enrico Borgarello, «affiancherà il team di ricerca offrendo un contributo al processo di sviluppo del prodotto e analizzando le opportunità commerciali».

I punti di forza del progetto sono legati alla sua sostenibilità e al basso costo dell’intonaco sviluppato durante la ricerca (circa 0,6 €/m2, considerando il costo dei utilizzati), che lo rendono interessante per il mercato dell’edilizia e delle costruzioni.


Il team che ha vinto il premio

Il team che ha visto impegnate in prima linea, oltre alla professoressa Bontempi, è compostao dalle ricercatrici Alessandra Zanoletti, Fabjola Bilo, Laura Borgese, Stefania Federici, Annalisa Zacco, e la prof.ssa Laura Eleonora Depero.

Il team ha realizzato un materiale poroso con sottoprodotti di scarto industriale (come il fumo di silice) in grado di intrappolare le polveri sottili. Il risultato è un intonaco che può essere applicato ai tetti e alle pareti degli edifici. Con la sua capacità di assorbire fino a 30g/m2 di Pm10 e il bassissimo costo (circa 0,6 euro/m2), l’intonaco made in Unibs costituisce una novità assoluta a livello internazionale.


Particulate Matter - Particolato atmosferico

Il termine particolato atmosferico indica le particelle di aerosol sospese nell'atmosfera terrestre che hanno dimensioni che variano da pochi nm a 100 μm. Il PM10 e il PM2,5 sono definiti come il materiale particolato avente un diametro aerodinamico medio inferiore, rispettivamente, a 10 μm e 2,5 μm. Quindi il PM2,5 è una frazione del particolato totale interamente contenuta nella frazione di PM10.

Il particolato atmosferico produce vari effetti negativi sull'ambiente circostante:

  • danni sui beni materiali che avvengono in termini di corrosione, piuttosto sentiti nel caso dei monumenti;
  • danni alla vegetazione, portati principalmente dall'ozono;
  • diminuzione della visibilità, causata dal fatto che le particelle con dimensioni dell'ordine della lunghezza d'onda della radiazione solare riflettono molto più efficacemente la radiazione stessa fino a causare un global dimming;
  • effetti sulla salute umana da distinguere, in generale, tra effetti a lungo termine ed effetti a breve termine.

Ecco perchè questa ricerca e questo premio sono particolarmente importanti.


Sullo stesso tema:

 

TX ACTIVE: da Italcementi un prodotto per realizzare superfici fotocatalitiche

TX ACTIVE di ITALCEMENTI sul podio degli European Inventor Award

LA NUOVA NORMA UNI ISO EN 16890 MIGLIORERÀ LA NOSTRA SALUTE

 


Il premio Marzotto

Premio Gaetano Marzotto, voluto da Giannino Marzotto, fa parte delle attività promosse da Associazione Progetto Marzotto che lo stesso Giannino ha fondato nel 2010, affidandone la direzione a Cristiano Seganfreddo, Agenzia del Contemporaneo. Il Premio è ispirato alla figura di Gaetano Marzotto, imprenditore di riferimento del Novecento, che ha saputo unire impresa e società, cultura e territorio. Da quest’anno Presidente dell’Associazione è Margherita Marzotto, Matteo Marzotto è Vice Presidente.

Premio Gaetano Marzotto cerca nuovi imprenditori e costruttori di futuro che siano in grado di far convivere innovazione, impresa e società. Il Premio, che ha una durata decennale, vuole contribuire a creare una piattaforma dell’innovazione italiana e le condizioni ambientali per un cambio di paradigma, sostenendo la nascita di nuova impresa in Italia. Un percorso sempre più nell’ottica dell’open innovation e di un processo di internazionalizzazione, per una condivisione reale e costruttiva di saperi, visioni, modelli, rischi e benefici tra grandi aziende e giovani imprese innovative, all’interno di una rete sempre più globale.

Per saperne di più clicca qui