Cracco in Galleria con rivestimenti ceramici firmati Gio Ponti in cucina!

Roberta Valli - Architetto, collaboratrice PAVIMENTI-WEB 10/11/2018 1798

cracco-in-galleria-marazzi-progress-profiles-1.jpg

Non solo ristorante!

Il 21 febbraio scorso, in Galleria Vittorio Emanuele, nel cuore di Milano, ha aperto al pubblico l’ultimo "progetto enogastronomico" del famoso chef vicentino, un crocevia di suggestioni tra cibo e arte.

Una location unica che riunisce, su quattro piani, le più svariate anime della ristorazione: cafè-bistrot pasticceria, ristorante, cantina e un salone privato per eventi particolari, aperta tutti i giorni, dalle 8 del mattino a sera inoltrata, dalla prima colazione al dopo-Scala.

L’ispirazione viene dal ristorante Le Grand Véfour ai giardini del Palais Royal di Parigi, un gioiello dell’arte decorativa del XVIII secolo, in cui interno ed esterno vivono di un dialogo incessante: «I ristoranti di oggi sono nordici: tutto asciutto, tutto bianco, tutto pulito. Volevo un posto diverso», rivela Cracco

cracco-in-galleria-marazzi-progress-profiles-2.jpg 

Il progetto dello spazio multipiano, nato da questa volontà di dialogo tra tradizione e innovazione, porta la firma dello Studio Peregalli. Laura Sartori Rimini e Roberto Peregalli, seguendo suggestioni architettoniche che spaziano dalla seconda metà dell’800 a Gio Ponti, hanno dato vita ad un luogo inedito eppure familiare, un ambiente caratterizzato da uno stile retrò, sobrio e raffinato, classico ma al contempo moderno, tipicamente anzi, essenzialmente, milanese.

Un vero e proprio gioco di corrispondenze con la Galleria e il suo vocabolario architettonico: lesene, trabeazioni, bassorilievi, grottesche, mosaici, il metallo della cupola. 
L'atmosfera è quasi sospesa tra passato e presente; una splendida scenografia, teatrale e sontuosa, con un'attenzione davvero maniacale ai dettagli.

cracco-in-galleria-marazzi-progress-profiles-3.jpg 

Tutti gli arredi sono stati realizzati da imprese artigianali specializzate. Un’attenzione particolare è stata riservata all’illuminazione, diffusa, quasi teatrale, e all’acustica, grazie a pannelli fonoassorbenti e all’insonorizzazione totale del secondo piano. Non meno importanti le superfici, dove la ceramica trova un’ampia applicazione: i progettisti hanno infatti utilizzato la piastrella Marazzi Triennale – la cosiddetta “4 volte curva” – disegnata da Gio Ponti e Alberto Rosselli nel 1960, nei colori avorio, giallo zafferano e nero per tutte le cucine, una ad ogni piano, e hanno declinato la serie di grès Allmarble sempre di Marazzi nelle finiture Statuario e Saint Laurent per i bagni.

cracco-in-galleria-marazzi-progress-profiles-3a.jpg

Solo un prodotto ben posato è un buon prodotto!

La posa delle pavimentazioni e dei rivestimenti è stata realizzata da Posami.
Posami ha lavorato nel cuore del ristorante, la cucina dello Chef, caratterizzata dalla mattonella “4 volte curva”. La collezione Progetto Triennale, prodotta da Marazzi, rappresenta un dialogo aperto tra storia e futuro, design e produzione industriale, forma e materia, arte e architettura. Semplice, pulita, esatta, da posare con maestria. La posa è stata effettuata mediante Mapei Ultralite Flex, distanziatori livellanti Progress Profiles Proleveling System (un sistema rivoluzionario che assicura pavimentazioni perfette con un’assoluta planarità senza dislivelli)  e stucco Kerapoxy CQ.

cracco-in-galleria-marazzi-progress-profiles-5.jpg

Come accennato ogni piano del ristorante ha una cucina, Posami ha quindi eseguito la messa in opera di tutti i pavimenti Marazzi nel formato 30x60, partendo dall’impermeabilizzazione e dalla desolidarizzazione del sottofondo mediante utilizzo della membrana Progress Profiles Prodeso che permette una posa delle piastrelle senza tagli e senza giunti nel supporto, riducendo drasticamente i tempi di cantiere.

Svariati i prodotti dell’azienda veneta Progress Profiles utilizzati, in ogni cucina troviamo Proshell e Prointer in acciaio inox satinato, profili di sguscia concava ideali per garantire la pulizia e l’igiene, idonei al contatto con prodotti alimentari. Inoltre, per proteggere gli angoli esterni dei rivestimenti sono stati posati i profili Projolly, Projolly Quart e il profilo a forma di “L” Proterminal, entrambi in acciaio.

 cracco-in-galleria-marazzi-progress-profiles-4.jpg

Ogni lavorazione è stata eseguita a regola d’arte, con cura di ogni dettaglio, in particolare nella cucina del piano ammezzato sono stati rivestiti tutti gli archi a volta presenti, mediante un taglio delle piastrelle preciso, i cui bordi esterni sono stati protetti dal profilo Proterminal e da altre serie di prodotti in gamma Progress Profiles.

cracco-in-galleria-marazzi-progress-profiles-6.jpg 

Le lavorazioni hanno contemplato anche interventi delicati come la posa del parquet restaurato sito al primo piano.
Nelle sale l’ottone naturale delle finiture aggiunge bagliori ed eleganza agli ambienti. Proterminal è stato fondamentale per separare e proteggere pavimenti diversi con un tocco dorato in armonia con le finiture predominanti.

cracco-in-galleria-marazzi-progress-profiles-7.jpg 

L’effetto marmo prezioso caratterizza i bagni del ristorante e, in linea con le nuove frontiere delle superfici in gres porcellanato, ritroviamo il grande formato per i rivestimenti. Lastre Marazzi 120x60 linea Allmarble, Statuario e Saint Laurent, con una finitura lucida e 6 millimetri di spessore si incontrano con tozzetti dorati firmati Mosaico+ della collezione E’METALLO, mosaico composto da una lamina di acciaio inox AISI 316.

cracco-in-galleria-marazzi-progress-profiles-9.jpg 

Questa speciale atmosfera teatrale di armonia ed eleganza prova che finiture di qualità possono donare equilibrio e fascino ricercato agli ambienti, senza rinunciare alla funzionalità e alla sicurezza dei materiali.

Posami ha anche curato la fornitura e messa in opera delle finiture di tutti i locali di servizio, dagli spogliatoi alla guardiola, anche qui attraverso l’utilizzo di prodotti performanti e di altissima qualità e con squadre altamente specializzate. 

cracco-in-galleria-marazzi-progress-profiles-8.jpg

La fornitura delle finiture e la messa in opera sono state portate avanti con la massima collaborazione in cantiere e realizzate da posatori certificati Assoposa.

Crediti

Progetto: Studio Peregalli - Roberto Peregalli, Laura Sartori Rimini
Committente: Carlo Cracco Chef
Luogo: Milano, 2018
Superfici ceramiche : Triennale e Allmarble, MARAZZI


Posami è una iniziativa imprenditoriale nel settore delle costruzioni per la fornitura e posa in opera di pavimenti e rivestimenti.

>>> guarda il video istituzionale  

Posami gode del sostegno di aziende produttrici leader a livello internazionale quali: Mapei , MarazziMosaico+, Progress Profiles e Fila Solution.

Posami offre al mercato il prodotto finito. Materiali da costruzione e posa degli stessi si uniscono per diventare unico oggetto di vendita. Posami raggruppa tutte le fasi costruttive: dal progetto, alla definizione dei capitolati, alla scelta dei materiali fino alla messa in opera qualificata.
Posami è l’interlocutore per il committente che chiede un lavoro di qualità, eseguito a regola d’arte e nel rispetto di tempistiche predefinite e norme europee.
La solidità dell’azienda è data dalla storicità di attività nel settore, dall’utilizzo di materiali di qualità e dal valore dei partner di Posami: aziende leader, riconosciute a livello mondiale.
Posami ha sede a Milano ma opera in tutto il mondo, utilizzando squadre specializzate e manodopera selezionata e certificata Assoposa.
Posami è l’opportunità di costruire affidandosi a un unico interlocutore referenziato e strutturato.


>>> Leggi anche l'articolo Non chiamatelo ristorante sul sito www.ceramica.info