Un restyling ecosostenibile per Cantina Pizzolato

Itlas 29/11/2017 1083

1cantina-pizzolato-itlas.jpg
Ci sono progetti e collaborazioni che nascono perché, incontrandosi, si scopre di avere delle affinità. In questo caso l’amore per la natura e per la salvaguardia dell’ambiente e della salute dell’uomo.  Nasce così la Cantina Pizzolato: un progetto complesso, che si affianca alla storica villa cinquecentesca e si fonda con il territorio circostante. Firmato dallo Studio Made Associati, il progetto ha visto in Itlas un partner fondamentale, che ha messo a disposizione non solo i materiali ma tutta la propria esperienza e le capacità artigianali nello sviluppo di soluzioni specifiche per questo tipo di intervento.

2cantina-pizzolato-itlas.jpg
Il percorso è iniziato con la scelta dei pavimenti in legno per gli interni e che poi si è evoluto ai rivestimenti, ai pavimenti esterni e ai complementi di arredamento. Tutto è stato realizzato in faggio proveniente dalla Foresta del Cansiglio, certificato PEFC e pertanto a chilometro zero per la cantina. Una materia prima in perfetta linea con la scelta bio compiuta oltre trent’anni fa da Settimo Pizzolato. 

3cantina-pizzolato-itlas.jpg
Centocinquanta metri cubi di legno di faggio, dei quali 40 impiegati all’esterno.
I pavimenti posati all'interno della cantina sono Assi del Cansiglio, listone a tre strati con strato nobile in legno italiano di faggio certificato PEFC proveniente dalla Foresta del Cansiglio. Sono incollati.
I pavimenti posati all'esterno, invece, sono assi in faggio italiano certificato PEFC, sempre proveniente dalla Foresta del Cansiglio, termotrattato. Le assi sono fissate con magatelli e clips.

4cantina-pizzolato-itlas.jpg
Il progetto di riqualificazione coinvolge nuovi spazi e nuovi volumi dedicati alla cantina ma si sviluppa integrando anche le parti esistenti per la formazione di una funzionalità e immagine omogenea. Il nuovo edificio si dispone in successione agli edifici esistenti per costruire un nucleo compatto delle diverse attività di lavorazione. L’ambito degli uffici è strutturato per essere l’immagine rappresentativa dell’Azienda, della sua sensibilità e della sua produzione da sempre biologica (quest’anno festeggia i 35 anni di attività, certificazioni biologico e vegano per tutti i vini di produzione). 

5cantina-pizzolato-itlas.jpg 
Il volume è disposto in affaccio all’ampio spiazzo centrale riorganizzato, e presenta con lo spazio aperto una relazione diretta avendo al piano terra una zona di reception, spaccio per la vendita di bottiglie di vino, zona laboratorio.
La relazione diretta avviene sia visivamente con l’apertura a sud di una vetrata che consente di guardare il paesaggio coltivato, sia fisicamente perchè sul lato ovest l’ingresso allo spaccio per il pubblico avviene attraverso un’ampia pedana di legno che diventa una piccola piazzetta attrezzata nei momenti di particolari eventi (degustazioni, apertura della vendemmia, ...) gestiti dall’azienda agricola.
Questa piccola piazza in legno costituisce il naturale ampliamento verso l’esterno dello spaccio, consente di godere delle visuali verso il paesaggio coltivato a vigneto ed è caratterizzata dalla “pisoèra” albero tipico della campagna trevigiana (Celtis australis, bagolaro). 


6cantina-pizzolato-itlas.jpg
Al piano primo uffici e sala degustazione. L’ufficio di rappresentanza guarda ad una quota elevata il panorama del paesaggio dei vigneti. La nuova struttura si rivolge al paesaggio circostante con sguardi puntuali attuati attraverso una forometria orientata.

7cantina-pizzolato-itlas.jpg
La struttura della cantina ha numerosi punti di contatto con l’esterno. Oltre alle relazioni visive, sono state disegnate delle superfici in erba che assorbono le diversità di quota formando un ambito di transizione tra la zona del parcheggio e l’edificio, sono state piantate delle margherite come “selezione” dei tratti fioriti tra i vigneti. 

9cantina-pizzolato-itlas.jpg
L’impiego di cromatismi e trame affidate alla “pelle” di faggio  che costituisce il rivestimento non solo del nuovo intervento ma dell’intero complesso edificato, si riallaccia alla semplicità-povertà dei materiali di costruzione del capannone inserendosi perfettamente nel paesaggio agricolo. La struttura a listelli verticali in faggio  assolve infatti oltre alla funzione specifica di brise-soleil, fornendo illuminazione e aerazione agli spazi del lavoro, anche quella di richiamare le trame delle facciate dei fienili composte a intreccio di mattoni e/o tavolati verticali fugati, una caratteristica ricorrente nelle corti rustiche della campagna trevigiana.

10cantina-pizzolato-itlas.jpg
Nota: il legno, come precedentemente accennato, proviene dalla Foresta controllata del Cansiglio, una foresta nella quale le faggete sono una specie endemica destinata a diventare un prodotto finito certificato e legato al territorio, attraverso un processo di selezione attuato in accordo con Veneto Agricoltura (Ente preposto alla gestione delle foreste nel Veneto), in una sinergia tra la foresta del Cansiglio e l’azienda Itlas, È una foresta certificata secondo lo schema PEFC (Programme for Endorsement of Forest Certification), ovvero secondo i principi della gestione forestale sostenibile, che garantisce il mantenimento e l’appropriato sviluppo delle risorse forestali, salvaguardando la diversità biologica e l’ecosistema della foresta, conservando le altre funzioni del bosco, oltre a quelle produttive. La scelta è di promuovere un territorio, sensibilizzando i suoi visitatori verso un ecosistema naturale, patrimonio forestale gestito secondo i dettami della selvicoltura naturalistica, seguendo i criteri della certificazione forestale. Questo processo racchiude in sé la filosofia ambientale propria della Cantina e dei suoi prodotti naturali che si mostra anche nei caratteri dei materiali impiegati In particolare il legno utilizzato è stato tagliato nell’Ottobre del 2015 una parte è stata termocotta per l’uso esterno e una parta è stata posata naturale (pavimenti ed arredi)

11cantina-pizzolato-itlas.jpg

Cronologia:  progetto 2013/14 esecuzione lavori nov. 2014- mag. 2016 Luogo_ Villorba, Tv
Committente: La Cantina Pizzolato _ Villorba (Tv) 
Progettista: MADE associati _ Treviso, Architetti Adriano Marangon e Michela De Poli Coll. arch. Francesco Faggian
Superficie lotto: 7200 mq 
Superficie coperta: 2600 mq
Volume: 21000 mc 
Fornitura legno facciata, pavimenti interni, pavimenti esterni, arredi su disegno: ITLAS S.p.a., Cordignano

vai al sito itlas  

vai al sito MADE associati