Pavimenti-Web » Elenco News » Risultati in crescita nel 2016 per le piastrelle di ceramica
Risultati in crescita nel 2016 per le piastrelle di ceramica
del 22/12/2016

Risultati in crescita nel 2016 per le piastrelle di ceramica: vendite a 415 milioni di metri quadrati (+4,6%), l’export a +4,4%, inversione di tendenza per l’Italia (+5,5%)
Rimangono forti incertezze nello scenario internazionale connessi al tema dello stato di economia di mercato alla Cina (MES) ed alla discussione su la revisione del Sistema delle Emission Trading.


Il 2016 registra una ripresa nelle vendite complessive (+4,6%), grazie all’aumento dopo anni di flessione della domanda sul mercato italiano (+5,5%) e ad una espansione delle esportazioni (+4,4%), che hanno trainato la produzione (+5,4%).

La produzione italiana ritorna così a superare i 415 milioni di metri quadrati, mentre per il biennio 2017-2018, pur in un quadro di complessivo rallentamento, è atteso il consolidarsi di questi risultati così da portare la produzione a crescere ulteriormente nei prossimi anni. Permangono condizioni favorevoli alla domanda abitativa, spinti da una dinamica dei mutui che – stanti i bassi tassi di interesse – ha spinto il alto la loro domanda e, con essa, l’attività edilizia.

Sono questi i principali temi presentati durante il Convegno di Fine Anno di Confindustria Ceramica, che accanto all’illustrazione degli studi realizzati dal Centro Studi di Confindustria Ceramica in collaborazione con Prometeia e BPER Banca Spa, vedrà una tavola rotonda a cui partecipano il Presidente dell’Associazione Vittorio Borelli, il vice Direttore Generale di BPER Banca spa Pierpio Cerforgli e Giovanni De Pasquale, presidente di ANAIP, l’Associazione Nazionale degli Amministratori di Condomini.
 
Il profilo economico finanziario 2015
Positive indicazioni emergono dall’esame dei bilanci 2015 delle aziende ceramiche considerate nel loro insieme. Il campione analizzato da BPER mostra un EBITDA di settore pari a 13,4% ed una redditività in grado di generare un apprezzabile flusso di cassa di gestione corrente (469 milioni di euro nel campione analizzato). L’incidenza del circolante sul fatturato si riduce di tre punti percentuali, al 35,3%, grazie a percorsi di efficientamento sullo stock di magazzino e alla selezione dei crediti commerciali. Tale aspetto ha determinato un miglioramento nei livelli di capitalizzazione del settore, ora prossimi all’84% del capitale investito.

L’anno 2016 delle piastrelle di ceramica
Il preconsuntivo evidenzia per l’industria italiana delle piastrelle di ceramica esportazioni nell’ordine di 331 milioni di metri quadrati (+4,4%) e vendite per 85 milioni di metri quadrati sul mercato nazionale (+5,5%). Segno positivo in tutte le aree geografiche dove si registra per i Paesi NAFTA +5%, Paesi del Golfo e Balcani +4,7%, il Far East +3,3%, Europa Centro Orientale +2,7%, America Latina +2,1% e Nord Africa +1,7%. Tra i paesi più grandi, in calo la Russia (-10%), valore più limitato rispetto a quanto successo negli ultimi anni.

La crescita 2016 appare più consistente nei paesi NAFTA, del Golfo e Balcani, anche se le incertezze politiche ed economiche di alcune aree potrebbero compromettere tali previsioni.
La produzione di ceramica italiana recupera terreno, raggiungendo nel 2016 i 416 milioni di metri quadrati (+5,4%), in crescita di circa 50 milioni di metri quadrati rispetto ai minimi del 2012.

Il commento del Presidente.

Chiudiamo un anno che ha registrato conferme dai mercati internazionali – penso a Stati Uniti, ma non solo – ed una inversione di tendenza da quello italiano. Sono risultati resi possibili dagli ingenti investimenti in innovazione che il settore realizza da anni e che ci ha consentito di aggiornare la nostra capacità competitiva si diversi mercati”.

Il Presidente di Confindustria Ceramica ha poi ricordato due grandi rischi che l’industria ceramica italiana dovrà affrontare nel 2017. “Lo scorso 11 dicembre la Commissione Europea non ha concesso lo stato di ‘Economia di Mercato’ alla Cina, come giusto che sia non avendo questo paese ottemperato ai cinque requisiti richiesti dall’accordo di ingresso nel WTO. A questo diamo un giudizio positivo, anche se dobbiamo rilevare come la stessa Commissione Europea abbia proposto un nuovo regolamento per la definizione dei dazi antidumping meno stringente rispetto al passato. Auspichiamo che il Parlamento Europeo, a partire dai nostri rappresentati, esprima un giudizio negativo in fase di discussione parlamentare”.
Il secondo tema di preoccupazione è invece legato alla competitività delle imprese, non solo ceramiche. “Il Sistema delle Emission Trading ha fino ad adesso determinato un forte appesantimento negli adempimenti burocratici – anche per un settore come il nostro dove i continui investimenti hanno significativamente ridotto le emissioni. Auspichiamo che la revisione, attualmente in atto e a valere dal 2020, aumenti le tutele per quei settori che tanto hanno già fatto in tal senso e che si evitino ulteriori appesantimenti alla competitività”.

Sul sito dell’associazione è possibile scaricare le immagini della conferenza stampa e il comunicato stampa di ANAIP (Associazione Nazionale Amministratori Immobiliari Professionisti).
Vai al sito www.confindustriaceramica.it
 

di Confindustria Ceramica
Notizia letta: 1352 volte
Torna alla Lista News »