Pavimenti-Web » INGENIO n.57 » Passeggiata fronte mare: il lungomare di Riccione
Passeggiata fronte mare: il lungomare di Riccione
Roberta Valli


Lungomare di Riccione, Piazza della Nave

Una rete di piazze e spazi pubblici urbani progettata con l’intento di valorizzare il fronte mare della nota località balneare romagnola, liberandolo dalla morsa del traffico e dell’asfalto. A ideare il progetto, realizzato in project financing, è stata la squadra di progettisti composta da Stefano e Andrea Matteoni: l’intento - perfettamente riuscito -  era ricucire la frattura tra la città e il suo lungomare trasformando un tratto di circa millequattrocento metri in un nuovo prototipo di intervento a scala urbana: una passeggiata dall’identità forte e unitaria ma non monotona grazie alla diversità di funzioni e soluzioni progettuali.

 
 Lungomare di Riccione, Piazza del Sole

I progettisti hanno saputo valorizzare al meglio la passeggiata fronte mare trasformandola in un luogo pubblico vivace, permeabile e conviviale.


 Lungomare di Riccione, Piazza dell’Acqua

L’intervento è stato realizzato in due fasi successive: il primo stralcio ha interessato  il percorso che collega la zona del Porto a viale Ceccarini trasformato in una sequenza narrativa di cinque piazze a tema: piazza della nave caratterizzata da panchine di marmo bianco di Carrara e legno che riprendono la sagoma di uno scafo che culmina a prua in una fontana a ricordare il solco delle onde; la piazza del Sole con un grande sole intarsiato nella pavimentazione di marmo e circondato da quattro fontane a rievocare l’immagine degli scafi di un pattino stilizzato, la piazza delle palme con la messa a dimora di alcuni esemplari di essenze esotiche, la piazza dell’Ombra, zona di relax con gazebo attrezzato dotato di panchine e tavolini; la piazza dell’Acqua con cascatelle e fontane che accompagnano il sistema delle sedute. 


Lungomare di Riccione, Piazza delle Palme


Lungomare di Riccione, Piazza dell’Ombra

Dal punto di vista progettuale il secondo tratto prosegue i tratti e le scelte formali del primo, ma con un carattere più "rilassato": scompaiono le piazze, aumenta la dotazione di aree verdi e si inseriscono alcune strutture ombreggianti all'interno delle quali i ristoranti, già attivi in loco, conducono un servizio al tavolo per gli ospiti. I materiali delle pavimentazioni sono costituiti da quarzo-arenite di un caldo color ocra chiaro intercalata da fasce di marmo Trani, mentre i cordoli e le opere monumentali sono realizzate in marmo Bianco di Carrara. Nel secondo tratto inoltre sono stati realizzati percorsi pavimentati in doghe di legno che si inoltrano direttamente all'interno delle aree verdi.


Lungomare di Riccione, scorcio del secondo tratto 

Le auto si spostano lontano dal waterfront: il progetto valorizza la mobilità alternativa con la creazione di una pista ciclabile che affianca la passeggiata pedonale, mentre il traffico automobilistico viene convogliato nell’ampio parcheggio interrato sottostante.
Di seguito alcune immagini realizzate in corso d’opera e dettagli esecutivi fioriere piantumazione verde pensile.


Lungomare di Riccione, fase di impermeabilizzazione della porzione interrata 


 Lungomare di Riccione, realizzazione fioriere per verde pensile


 Lungomare di Riccione, piazza della barca in fase di ultimazione, in evidenza i materiali utilizzati per la pavimentazione e gli elementi di arredo urbano


Lungomare di Riccione, stratigrafia verde pensile

 
Lungomare di Riccione, stratigrafia verde pensile

Luogo: Riccione (Rn)
Intervento: realizzazione del nuovo Lungomare della Libertà – inclusi parcheggi interrati 
Progettisti e direzione lavori generale: Architetto Andrea Matteoni- Studio Matteoni e Arch. Stefano Matteoni Polistudio AES società di ingegneria per opere architettoniche
Anno di redazione: 2003-2008
Anno di realizzazione: 2007-2010 (inaugurazione primo stralcio 2008; secondo stralcio 2010) 
Dati dimensionali: estensione del primo stralcio 460 ml per circa 12.000 mq di arredo urbano; secondo tratto lungo circa 900ml per un’estensione di circa 22.500 mq; posti auto totali n. 625
Materiali pavimentazione e arredo urbano: pavimentazione generale in quarzo-arenite color ocra chiaro intercalata da fasce di marmo Trani, alcuni percorsi in doghe di legno (decking) , cordoli e opere monumentali marmo Bianco di Carrara

Articolo letto: 1155 volte